Perchè cambiare libreria? Laccala

Perchè cambiare libreria? Laccala

Perchè cambiare libreria? Laccala

Perchè cambiare libreria? laccala

libreria prima della laccatura

Perchè cambiare libreria? Laccala gli risponde Barbara al suo compagno , è ancora nuova l’ho fatta fare solo pochi anni fà, ed è ancora integra ed è un vero peccato buttarla via.  Possiamo dargli una nuova immagine cambiando alcuni particolari e laccandola con un nuovo colore.

La cucina degli anni 50 aveva cambiato look

 

come cambiare colore al vecchio comò in camera

confronto delle diverse finiture e dei diversi top
e della nuova laccatura

cambiare l'aspetto cucina risparmiando

cucina rinnovata quasi in dirittura d’arrivo

Qualche mese fà navigando in internet e mi ero imbattuta in un articolo che trattava lo stesso problema per una cucina degli anni 50 che era stata completamente ricondizionata. La laccatura generale sostituendo solo le cerniere e riutilizzando tutto il resto compreso  le maniglie, messe in evidenza da un nuovo colore. Allora cerca su internet se esiste questa azienda, perchè cambiare libreria? Laccala e sicuramente si risparmia il che non guasta visto i tempi.Erano questi i ragionamenti che avevano fatto.

 

 

Il web aiuta con gli articoli a fare le scelte

 

perche cambiare libreria? laccala

Perchè cambiare libreria? laccala Nuova immagine

 

 

 

 

Dopo aver consultato il web mi telefonarono per la laccatura della libreria, gli feci un primo costo telefonicamente per avere un parametro di valutazione. Dopo un appuntamento mancato andai a trovarla per il ritiro della libreria da laccare per portarla in laboratorio, giunti sul posto Barbara ci espresse il desiderio di relizzare due piani in rovere sbiancato per dare un tono, un nuovo carattere alla libreria.

La consegna dopo 20 giorni  lavorativi

 

A distanza di 20 giorni lavorativi dal ritiro gliela abbiamo riportata e montata in casa, adesso ha una nuova immagine un nuovo look, dal giorno in cui pronunciarono: perché cambiare libreria?  Adesso laccata, se la ritrovano Nuova con un carattere deciso, proprio come la volevano e con un costo contenuto, di una diversa laccatura ed una migliore qualità. Con la falegnameria abbiamo sostituito i piani della vecchia libreria, con dei piani in rovere spazzolato. I piani di rovere della falegnameria ,successivamente laccati e sbiancati con la laccatura, avere le attività collegate ci consente di aiutare i nostri clienti.

 

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Verniciatura finestre in legno

Verniciatura finestre in legno

Verniciatura finestre in legno

verniciatura finestre in legno a milano

carteggiatura serramenti dopo smontaggio ferramenta e vetri per verniciatura finestre in legno

  • Verniciatura finestre in legno non tutti si rendono conto dell’importanza di questa operazione per la durata delle finestre.
  • Fare una buona verniciatura con una buona vernice è la base per una maggiore durata del serramento mantenendolo efficiente nell’ tempo.
  • Due settimane fà visitando una cliente abbiamo verificato dei serramenti e la verniciatura era in fase di distacco.
  • Il distacco era dovuto alla cattiva verniciatura per la verita molto povera come copertura del legno e fatta solo dove si poteva vedere.
  • Per cui era neccessario una nuova verniciatura finestre in legno, richiesta decisa dalla lungimirante proprietaria.
  • Per fare un miglior lavoro abbiamo deciso lo smontaggio degli stessi ed il trasporto in falegnameria per un miglior risultato.

Cosa bisogna fare per una buona verniciatura finestre in legno

 

copertura con carta di una parte della finetra per realizzare il bicolore

  • Per fare una verniciatura  finestre in legno visto che era anche un rifacimento bisogna opera secondo questi criteri
  • Smontaggio in falegnameria della ferramenta , delle maniglie delle finestre e delle guarnizioni presenti
  • smontaggio dei doppi vetri e dei relative coprifili
  • Carteggiatura e decappaggio di tutte le superfici anche quelle non a vista e carteggiatura finale con grana 500
  • Pulizia dalla polvere e doppia mano di ancorante a bassa viscosità per penetrare nei pori del legno
  • Carteggiatura leggera e doppia laccatura delle superfici anche quelle non a vista,
  • Ulteriore doppia mano su tutte le superfici a vista previa carteggiatura.
  • Quando si deve realizzare bicolore la lavorazione si complica e aumentano i costi, perchè prima si fa il colore esterno su tutte due i lati
  • In seguito dopo aver coperto la parte esterna si procede a una doppia mano previa carteggiatura sulla parte interna
  • montaggio doppi vetri e accurata siliconatura perimetrale per evitare infiltrazioni d’acqua
  • montaggio coprifili di battuta mediante viti per la resistenza al vento in base alle nuove normative

Creocasa in falegnameria da corso ai lavori di laccatura con la giusta lavorazione per durare nel tempo

 

creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Salva

Laccatura senza giunti

Laccatura senza giunti

Laccatura senza giunti

 

Laccatura senza giunti, un lavoro impossibile su grandi superfici, ma su strutture limitate si può, osservando alcune regole di buon senso dettate dal esperienza e dal fatto di essere veri falegnami.

laccatura senza giunti

cabina di laccatura per l’aspirazione delle polveri e dei solventi dove rinnovare i tuoi mobili

Consigli utili su come operare

Laccatura senza giunti con asportazione superficiale

asportazione superficiale laminato per creare superfice d’aggrappo

  • Non si deve mai stuccare su superfici finite: laccate o laminate
  • La stuccatura va fatta su di una superfice grezza o carteggiata in modo di avere superfice d’aggrappo.
  • Per unire due pezzi dando la continuità non bastano le viti perchè la dilatazione spacca la pellicola della vernice
  • L’incollaggio deve essere fatto su superfici grezze senza laccatura o laminato, che fanno da distaccante e vanno asportate
  • Il collegamento delle parti può essere completato con delle viti, dopo aver messo una buona colla tra i lembi gia preparati

 

Tutto ciò, sembrano consigli scontati, che ogni buon falegname dovrebbe sapere, ma non è così

Una decina di giorni fà mi hanno portato una cornice, a cui dovevano fare una giunta di una piccola fascia sul perimetro, laccadola in continuità senza vedere  la linea di contato.

laccatura senza giunti non pronta

superfici non preparate non incollate, per laccatura senza giunti

  • Mi avevano portato il pezzo solo da carteggiare pronto per la laccatura
  • Non era cosi, carteggiando la stuccatura saltò via, non era stata fatta la preparazione.
  • Il pezzo non era stato incollato, ma solo avvitato per cui si muoveva e avrebbe cavillavato la superfice verniciata.

Abbiamo dovuto preparare le superfici per l’incollaggio, carteggiato e stuccato l’intero pezzo, ricarteggiato, una mano di fondo poliestere,ricarteggiato e riverniciato in più mani, pronto da spazzolare perchè lucido. Il lucido come in carrozzeria va ulteriormente spazzolato per avere una superficie a specchio

laccatura senza giunto

lavoro finito senza giunto

Morale se uno non è capace di lavorare, è meglio non creare problemi agli altri, facendo cose sbagliate, che debbono essere rifatte.

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Cucina laccata lucida moderna

Cucina laccata lucida moderna

Cucina laccata lucida Renata

Cucina laccata lucida moderna per la signora Renata che ama gli ambienti minimalisti e voleva dare un aspetto moderno alla propria cucina. Abbiamo proposto un particolare tipo di laccatura lucida, mantenendo le basi grigio-tortora.  I pensili bianchi per non appesantire l’ambiente.  Realizzati su misura in falegnameria più alti rispetto ai normali pensili in commercio.
La cucina laccata lucida Renata, così l’abbiamo battezzata in onore della sua simpatica proprietaria. IL vantaggio, rispetto alla finitura laccata opaca,è di rendere l’ambiente più luminoso  riflettendo a specchio la luce della vicina porta finestra.

Cucina laccata lucida

Immagine complessiva della cucina laccata lucida


L’evoluzione del progetto della cucina laccata lucida Renata

Una volta prese le misure dello spazio da arredare.  Abbiamo sviluppato un  progetto della nuova cucina laccata lucida. La stanza era triangolare, come si può vedere nel disegno sotto. Era  una scelta obbligata di rivolgersi ad una falegnameria. La scelta di Creocasa si è rivelata giusta, con una attenta progettazione ha dato la migliore soluzione. La cucina su misura prodotta  poi nella propria falegnameria interna ha razionalizzato gli spazi dei mobili della cucina su misura. Realizzando la cucina seguendo l’andamento della pareti che tra loro non formavano nemmeno un angolo retto gli si è dato una forte caratterizzazione.

Cucina su progetto vista dall'alto

Vista dall’alto del locale cucina di forma triangolare

 

 

Il progetto cucina cresce

 

Nella prima proposta di progetto a Milano, la cucina laccata lucida era dotata di un lungo top con forno sottopiano. Tale soluzione permetteva di mettere un televisore nell’angolo sul piano di lavoro. Lo spreco di spazio tuttavia era evidente, abbiamo scelto di realizzare in corrispondenza dell’ingresso  cucina una colonna, con forni  e una dispensa romboidale al lato. Il televisore è stato posto sulla parete opposta, vicino la portafinestra.

 

cucina laccata lucida

Campione della finitura laccata lucida per la scelta del colore

La porta di ingresso a scorrere è stata una mossa vincente.  La porta era a battente, Ma aprendosi sarebbe stata di  intralcio, perchè sarebbe stato necessario chiudere la porta dietro di sè per accedere al mobile dispensa sulla  destra. Abbiamo così pensato di sostituire la porta con una scorrevole. La porta scorrevole esterna-muro,  non avrebbe permesso al tavolo l’aderenza al muro. Problema che abbiamo risolto realizzando una quinta nella nostra falegnameria interna. Tale quinta spazzolata laccata Bianca come in teatro creava movimento occultando la porta, a cui potevamo appoggiare anche il tavolo allungabile.

Album fotografico di cucina laccate lucide

 

 

La cucina laccata lucida è bicolore, bianca e tortora, e bene si accosta alla tonalità di grigio del top e dello schienale, ricoperto in lastre di grès porcellanato . Il Grès porcellanato è un materiale che quando si usano formati ridotti  più economico dell’Okite , del marmo o del solid surface, ma  è nettamente più resistente. Un Top rivestito in grès porcellanato è eterno. Non assorbe perchè prodotto di fusione e   se ci si taglia sopra con il coltello, è il coltello a perdere il filo.

Per il frontale del piano di lavoro  l’acciaio inox  per rendere i mobili cucina più moderni e tecnologici.

 

Una selezione di alcune nostre cucine realizzate su misura nel nostro laboratorio a Milano

 

Da Creocasa a Milano abbiamo tutte le risposte alle vostre esigenze

 

 

 

 

Mobili classici antichi laccati lucidi

Mobili classici antichi laccati lucidi

Mobili classici antichi laccati lucidi

Mobili classici antichi laccati lucidi per un arredamento moderno pur mantenendo un sapore classico. Ecco un bellissimo esempio di credenza in stile Barocchetto in noce nazionale. Lo stile Barocchetto lo si può riconoscere grazie alle linee bombate e mosse, le caratteristiche zampe con ricciolo. Lo stile è soprattutto contrasegnato con  decorazioni a motivi floreali. Quindi il risultato è un mobile con una grande presenza capace di arredare perfino una stanza completamente vuota.

Mobili classici antichi laccati lucidi

SCOPRI COME ABBIAMO TRASFORMATO QUESTO MOBILE NELLA NOSTRA CABINA DI VERNICIATURA

Il fascino dei mobili dove è evidente il segno del tempo

Mobili classici antichi laccati lucidi

Particolare del mobile classico antico laccato lucido.

Il mobile che ci hanno portato sembra un pezzo da museo, il cui valore si percepisce oltre che dalla bellezza delle linee anche dal peso del noce nazionale. Possedere un mobile di questo tipo è una fortuna, tuttavia bisogna sempre cercare di raggiungere una certa armonia con il resto dell’arredamento, altrimenti questo bellissimo mobile sembrerebbe un extraterrestre.

Come aveva confessato il proprietario, per molti anni  questa credenza in stile barocchetto era stata lasciata come visibile in fotografia, stuccature alla vista e con una mano di fondo bianco opaco negli angoli smerigliato fino a mostrare il legno vivo.
L’effetto scenico era comunque notevole, chi ama frequentare i mercatini pieni di cianfrusaglie come il sottoscritto se avesse visto questa credenza se ne sarebbe immediatamente innamorato, a dispetto di tutto il lavoro che avrebbe comportato restaurarla.

La finitura lucida dei mobili classici antichi laccati lucidi, soprattutto per mobili complessi come questo ricchi di sporgenze e rientranze, è un trattamento che comporta parecchio tempo e mano d’opera, per questo motivo è più cara rispetto alla laccatura opaca.

Le lavorazioni necessarie per la finitura lucida 

Per riuscire ad ottenere un lavoro a regola d’arte sono state necessarie diverse ed impegnative lavorazioni, prima tra tutte la pulizia e carteggiatura al legno vivo per la rimozione completa del fondo bianco preesistente.

Mobili classici antichi laccati lucidi

Credenza classica antica laccata lucida

Successivamente nella nostra cabina di verniciatura si è proceduto a dare due mani di fondo poliestere.
Questa operazione è fondamentale per riempire bene ogni imperfezione ed ottenere una superficie liscia ed omogenea grazie al suo alto spessore.

Dopodichè il mobile è stato carteggiato e preparato per le mani successive, ben 6 mani di vernice lucida rossa per poterla successivamente levigare ulteriolmente e spazzolarla per lucidarla a specchio

Infine, la reale differenza tra una laccatura opaca e lucida: la fase di lucidatura, la quale prevede prima una spazzolatura con particolare flessibile a basso numero di giri ed una pasta abrasiva grana fine per levigarla ed in seguito a completare i dettagli  la lucidatura manuale a tampone.

Progetto arredamento completi

Progetto arredamento completi

 CREOCASA Milano tutte le risposte alle vostre esigenze:

Mobili nuovi e di qualità realizzati su misura, laccatura di mobili classici antichi laccati lucidi, verniciatura , rimontaggi e modifiche di mobili esistenti…

 

Cabina verniciatura milano

La cabina di verniciatura per laccare i mobili a milano

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

pilastri in ferro sagomati da rivestire in legn laccato decape per esterno

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi, spesso si sottovaluta e si pensa erroneamente che riempire un pilastro a tubolare in ferro di isolante possa in qualche modo  eliminare i ponti termici  senza pensare che il ferro stesso determina il ponte termico per cui è neccessario isolare su tutto il perimetro esterno .

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi e creazione della nuova immagine

Dovevano rivestire i pilastri in acciaio con un materiale naturale che avesse proprietà di isolamento termico naturali per eliminare il sicuro effetto condensa che si sarebbe avuto mettendo i serramenti che avrebbero racchiuso l’ambiente creando due climi diversi tra quello interno riscaldato e quello esterno naturale per cui nel periodo autunno inverno avrebbe dato degli scompensi con i ponti termici, l’architetto conscio delle problematiche che si sarebbero create voleva trasformare il problema in una opportunità, risolvendo l’isolamento termico pilastri acciaio-architravi in calcestruzzo creando un’immagine risolutiva ed accattivante con una boiserie  da fare in falegnameria utilizzando il legno okumè per le sue caratteristiche di resistenza all’acqua, sia massello che multistrato dandogli un aspetto spazzolato evidenziando le venature del legno e successivamente colorandolo con un colore simile alla pavimentazione leggermente più scuro.

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi A Opera (Milano)

Una delle dime in legno per poter realizzare il rivetimento dei pilastri

Creazione delle dime

Rivestire i diversi elementi con il legno può assimilarsi ad una speciale boiserie preparata in falegnameria che rivesta la struttura sottostante interponedo un isolante termico ad alta densità, il rivestimento esterno colorato si comporta come una boiserie dando una nuova immagine sia alla facciata che all’ambiente interno, le dime realizzate e provate sul posto servono per realizzare tutti gli elementi del rivestimento con la maggiore precisione possibile .

Eliminazione ponti termici secondari

A completare l’eliminazione dei ponti termici dobbiamo concentrarsi sulle soglie in pietra dove saranno appoggiati i serramenti di pvc e sarà da intervenire sul perimetro dei pilastri in ferro dove le soglie sono in aderenza al pilastro i ferro per cui è necessario distanziarle di almeno 2 cm ed inserire un isolante termico, poi è da notare che la soglia è unica e dovrebbero essere due distaccate di almeno cm 2 con inserito un isolante termico per separare le due parti .

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze